Come aiutare Senigallia dopo l’alluvione: Senigallia si molla ma non molla!

alluvione di senigallia

Sabato 3 e domenica 4 maggio 2014 la città di Senigallia, nella sua parte più a sud, è stata devastata da una tremenda alluvione: intere vie sono state inondate dalla piena del Misa, causando danni ingenti alle automobili e alle case al piano terra. Chi ha assistito alla scena ha potuto vedere un vero e proprio fiume di acqua e fango scorrere nelle vie.

Il 5 maggio i senigalliesi hanno dovuto fare i conti con gli ingenti danni provocati dall’alluvione: automobili ed elettrodomestici da buttare via, mobili ormai inutilizzabili… C’è chi ha perso tutto, anche la casa, tanto che presso il Seminario Vescovile di via Cellini 13 è stato allestito un centro di accoglienza per una trentina di sfollati.

Ed è proprio al Seminario che si concentrano le attività dei volontari, tantissimi provenienti dalle zone di Senigallia non colpite e dalle città limitrofe (i marottesi hanno risposto in gran numero all’appello dei loro vicini, spalando fango al loro fianco fin dalle prime ore!!!!!), con il coordinamento sia delle attività da svolgere per chi può recarsi nelle zone colpite sia con la raccolta di vestiti, alimenti, generi di prima necessità, materiale utile per la pulizia.

Come fare per aiutare materialmente chi ha perso tutto nell’alluvione di Senigallia? Le strade sono molte: se avete la possibilità e la forza potete contattare la pagina Facebook SOS Alluvione Senigallia, dando la vostra disponibilità per aiutare le famiglie colpite a ripulire le loro case. Basta iscriversi nel foglio dei volontari (così da evitare spiacevoli inconvenienti, dal momento che anche in situazioni di difficoltà c’è chi cerca di approfittare di chi ha perso tutto!) e attendere l’sms con l’affidamento dell’incarico.

Per chi non potesse aiutare “fisicamente” le famiglie, consiglio di contattare la Caritas, al numero 0717929611, per conoscere i beni di prima necessità che di giorno in giorno sono necessari: conviene informarsi prima, perché purtroppo i magazzini della Caritas sono stati interessati dall’alluvione e inagibili al momento e l’associazione è ospitata presso il Seminario Vescovile.

Esistono anche due conti correnti aperti per poter donare alla Caritas o al Comune di Senigallia quanto è nelle vostre possibilità: basta un piccolo gesto per aiutare la città della spiaggia di velluto a risollevarsi.

Conto Corrente Bancario
Fondazione Caritas Senigallia Onlus
c/o Banca Etica filiale di Ancona
IBAN: IT60Z0501802600000000127245

PER IUTI DALL’ ESTERO
swift/bic= CCRTIT2T84A
oppure
Conto Corrente Postale nr.95690327
intestato a Fondazione Caritas Senigallia Onlus
Causale: “Emergenza Alluvione Senigallia”

Senigallia si molla, ma non molla: e noi possiamo aiutarla a non mollare… NON SIETE SOLI!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: